Le crisi di rabbia nei bambini: quando un segnale di crescita diventa  la spia di fragilita’ emotiva


Dott.ssa Romina Galmacci

(Psicologa clinica- Specialista in Addictive Behaviours e Patologie Correlate)

 

Le Esplosioni di rabbia nella prima infanzia ,a partire dai 2-3 anni sono la regola, ossia un segnale di crescita,   perche’ è proprio in questa  fascia di eta’ che  inizia la nota  fase del no,  una tappa  fondamentale e faticosa per la definizione dell’identita’ del bambino,   caratterizzata dalla ripetizione costante di una serie di no ad ogni richiesta dei genitori e da comportamenti e atteggiamenti  oppositivi ( tirare e rompere oggetti, buttarsi a terra e piangere disperatamente, urlare in luoghi pubblici come al supermercato,, disobbedire, ecc..) che sono  funzionali a scoprire il proprio io, a affermarsi di fronte agli altri e a sperimentare la propria volonta’.

Quale è la reazione emotiva maggiormente diffusa dei genitori alle crisi di collera del piccolo?

La maggior parte dei  genitori,  non è al corrente e conseguentemente non comprende la valenza di crescita che hanno il tipo di manifestazioni  di tipo provocatorio, oppositivo ed esplosivo,  qualora espresse   in un arco  di eta specifico evolutivo normale ( 2/3 – 6 anni ) pertanto, spesso di fronte la vasta gamma di  atteggiamenti e comportamenti suddetti provano   intolleranza,  vivendo le crisi di rabbia dei loro piccoli come un affronto personale, Altre volte sperimentano  sentimenti di frustrazione, sconforto, e sensi di colpa, pensando di non essere riusciti a svolgere in modo adeguato , efficace ed efficiente la loro funzione educativa e giungono a sentirsi dei  padri e delle madri “ falliti”. Altre ancora, provano disagio e imbarazzo, soprattutto in quelle situazioni e contesti, in cui il loro  bambino  esplode  in spazi pubblici e in presenza di estranei.

Come  si manifestano le crisi di rabbia nella fase del no?

Le crisi di collera,  fanno si che Dottor Jeckill  improvvisamente si trasformi in Mister Hyde, possono  manifestarsi sotto forma di scenate, o sembrare  quelli che vengono definiti nel linguaggio popolare “capricci” e avvengono spesso in ambienti fuori casa  ( es: il supermercato, negozi, il parco, ecc..) dove il piccolino è consapevole di mettere a disagio o in difficolta’ i genitori, di cui vuole valutare il limite e la reazione tramite comportamenti  provocatori o di sfida..

Quali sono le cause  scatenanti le  crisi di rabbia nella prima infanzia?

La rabbia puo  essere  causata da diverse motivazioni , non sempre comprensibili a genitori e maestri, i quali spesso non sanno come comportarsi:   si va da ragioni che possono essere valide anche per soggetti adulti, come stanchezza, stress, imprevisti, tensioni percepite all’interno della famiglia, eventi traumatici ( una madre che piange sempre di fronte il piccolo ad esempio) a eventi scatenanti per un adulto banali ma per un piccolo no, come la rottura della tazza preferita per la colazione,  alla scomparsa di un giocattolo .

Cosa esprime il bambino attraverso le manifestazioni oppositive?

Esprime il bisogno di chiari confini e limiti da parte delle figure genitoriali : pertanto occorre questi ultimi in modo congiunto e coerente tra loro fissino e esigano far rispettare  poche regole, chiare e ferme, che daranno sicurezza al bambino. Qualora i genitori siano troppo permissivi, o incongruenti, trasmetteranno al bambino nel primo caso insicurezza, nel secondo confusione, con un duplice rischio:

a) Crescere un bambino intollerante alle frustrazioni e insicuro;

b) Creargli problematiche comportamentali nella scuola primaria e quindi ostacolare il successo di una tappa evolutiva fondamentale  per la crescita, una tappa che in genere ha termine con l’estinzione delle manifestazione di rabbia alla fine della scuola materna. Nel caso al contrario di un fallimento di questa fase, le manifestazioni oppositive e aggressive suddette  si potrarranno nella scuola primaria , dove come è immaginabile,  non saranno accolte dagli insegnanti, ma segnalate come  gravi problematiche comportamentali, che denotanto fragilita’ emotiva e/o   aggressivita’.

Quando le crisi di rabbia del bambino  sono “segnali di crescita”?

Se le crisi di rabbia rientrano nel range della fase evolutiva del no, definita anche  che di solito inizia tra i due e i quatto anni,  queste rappresentano dei “segnali di crescita” perche  segnalano per l’appunto  l’inizio del percorso di autonomia, in cui  la capacita’ acquisita di dire no  è l’indice della consapevolezza  di essere altro rispetto alla mamma e al papa’, di essere cioe’ un individuo a se stante.   Ne deriva che il significato psicologico e relazionale di atteggiamenti e comportamenti oppositivi ( non solo dire no , ma anche scenate, capricci e crisi di rabbia piu’ o meno vistose) è quello di una modalita’  sana di impostare il proprio modo di essere, di costruire la propria “pelle psicologica”.

Come devono comportarsi i genitori nella fase del no?

È necessario che entrambi genitori rispondano al bisogno di prevedibilita’ delle situazioni che il bambino ha , fornendo regole e rituali, che hanno  la funzione di prevenire appunto la rabbia.

Quali sono  i fattori casuali che possono incidere sulla mancata estinzione delle crisi di rabbia entro la soglia considerata” fisiologica” ?

Mancanza di regole educative da parte dei genitori, regole che devono essere poche, chiare e ferme ( fisse) ma invece  difficolta’ dei genitori a farle rispettare , assumendo un atteggiamento incoerente e non lineare,  caretterizzato talora da una dannosa  “negoziazione con il bambino” ( orario per andare a letto, alzarsi, regole relative all’igiene personale, il momento di riporre i giochi e fare ordine).

Come  affrontare  in modo corretto un genitore una crisi di collera del proprio piccolo?

Nel corso della  crisi di rabbia, il genitore è necessario IGNORI  la scenata in attesa la collera si estingua e non deve  in modo assoluto parlare al piccolo, alzare la voce, né invitarlo a smetterla, pena  far crescere la rabbia   In un secondo momento, quando il bambino sara’ piu grandicello ( 4-5 anni) e quindi in grado di esprimersi con il linguaggio verbale, ma esclusivamente  dopo  la rabbia della crisi è ‘ sbollita, il genitore dovra’ cercare di dialogare con il piccolo per comprendere le ragioni ci sono dietro l’episodio ( es: problemi a scuola o con qualche compagnetto, ecc…..) .

 

Quando  allarmarsi e ricorrere all’aiuto di uno specialista?

Le crisi di rabbia non vanno piu lette come spia di crescita, ma di allarme, che deve spingere i genitori  a consultare un esperto,  in tutti quei casi in cui  permangono  oltre  la normale fase del no, slittando dall’eta della scuola materna, fino l’ingresso nella scuola primaria.

La consulenza con lo psicologo  servira’ per indagare  il tipo di disagio  nascosto dietro i sintomi comportamentali di ordine oppositivo  e parallelamente,  intervenire in modo tempestivo, per evitare che la fragilita’ emotiva  e/o aggressivita’ del bambino,   possa peggiorare  di rilevanza , a causa  di quello che sara’ un inevitabile  atteggiaemento  di intolleranza da parte della scuola delle sue  alterazioni di condotte, che verranno segnalate come “gravi problematiche comportamentali”

 

 

 

 

 

 

 

La Dott.ssa Galmacci (psicologa clinica – Specialista in “Addictive Behaviours e Patologie Correlate” Universita’ Cattolica del Sacro Cuore di Roma)  riceve su appuntamento, presso lo St. Tutela Medici Estetici (T.M.E.), Via Paolo Bentivoglio n° 41 ( p. 2° - int.13) 00165 Roma , ­ lo St Medico Longo,   Via dei Savorelli °24 00165 Roma ( 06/636672) ­il Cassia Physio Center, Via Valle della Storta n° 23/a 00123 Roma (centralino 06/30896538)  http://www.fisioterapiacassia.it/psicologia/psicologia)

Per info: Cell 324/6397634

 

 

 

 

Torna indietro

Joomlart
Questo sito utilizza i cookie. Usiamo i cookie per darvi il massimo della esperienza e della usabilità nel nostro sito. La prosecuzione nella navigazione comporta la accettazione dei cookie.

Ulteriori informazioni